loading...
Home / Cronaca / “No alle case ai zingari”: i residenti di Casal Bruciato e CasaPound contro la Raggi

“No alle case ai zingari”: i residenti di Casal Bruciato e CasaPound contro la Raggi

loading...

Roma, 8 apr – Ancora tensioni a Casal Bruciato, dove stamattina una ragazza romana, Noemi, con il suo bambino piccolo, ha occupato l’appartamento assegnato a una famiglia rom, portata via ieri pomeriggio dopo la dura protesta dei residenti, che hanno fatto le barricate di cassonetti in strada. La giovane però è stata subito sgomberata e in via Cipriano Facchinetti è scattata subito una nuova protesta con la gente in strada che difende la ragazza romana. A Noemi sono state tolte le chiavi ma lei, circondata dai cittadini, non molla e chiede l’assegnazione della casa. Al fianco dei residenti c’è anche CasaPound Italia, chiamata in causa dopo la rivolta di Torre Maura, dove i cittadini hanno impedito che il sindaco di Roma Virginia Raggi “piazzasse” 70 rom senza preavviso.

CasaPound: “Inammissibile che famiglie italiane siano scavalcate da rom e stranieri”

Dopo Torre Maura, oggi siamo a Casal Bruciato in sostegno della protesta dei residenti del quartiere contro l’assegnazione di una casa popolare ai rom che è stata impedita”. Lo fa sapere Davide Di Stefano, responsabile romano di CasaPound Italia. “È inammissibile – continua Di Stefano – che famiglie italiane col massimo punteggio in graduatoria ed in attesa da anche dieci anni di una casa popolare, vengano scavalcate da rom e stranieri. Questo è il vero razzismo ma i romani non sono più disposti a subire e noi siamo con loro. Mercoledì – conclude Di Stefano – saremo in piazza a Casalotti, in un altro quartiere popolare, dove vogliono trasferire i rom di Torre Maura. Non si risolve il problema dei rom dandogli una casa, anzi”. La manifestazione si svolgerà alle 18 in via di Casalotti.

Ancora un affronto per i cittadini romani da parte degli istituzioni. A poche centinaia di metri da qui, dove vogliono assegnare una casa ai rom, c’è un campo nomadi abusivo. Andassero prima a controllare là, invece che togliere le case agli italiani”, commenta Mauro Antonini, responsabile del Lazio per CasaPound Italia.

Da Casal Bruciato per affermare veramente: Prima gli Italiani!

Slået op af Mauro Antonini i Mandag den 8. april 2019
loading...

Fonte clicca qui

loading...

Check Also

Prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere. Come prima cosa decide di irrompere in una casa per procurarsi dei vestiti nuovi, qualcosa da mangiare e, magari, un’arma

loading... Un prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere.Come prima cosa decide …

loading...

Lascia un commento

loading...
loading...