loading...
Home / Cronaca / “Siri deve restare al suo posto! Vi sembra normale che da giorni ha chiesto di essere interrogato e devono ancora chiamarlo?”

“Siri deve restare al suo posto! Vi sembra normale che da giorni ha chiesto di essere interrogato e devono ancora chiamarlo?”

loading...

Armando Siri resti al suo posto”. Giulia Bongiorno non usa mezzi termini sul caso del sottosegretario alle infrastrutture leghista indagato per una presunta mazzetta: “Siri è stato trattato dai media come un condannato definitivo, mentre è un indagato per fatti di corruzione che ha subito chiesto di essere ascoltato, ma ancora non ha reso interrogatorio. Da oggi secondo me dovrebbe calare il silenzio, in attesa dei chiarimenti che fornirà”.

Il ministro della Pubblica amministrazione, in una intervista a La Repubblica,respinge l’idea di essere stata paladina della lotta alla corruzione con Silvio Berlusconi e di aver abdicato a questo ruolo. “La corruzione – spiega – è un reato grave, e quando Berlusconi avrebbe voluto eliminare le intercettazioni per questo reato sono stata io a oppormi con fermezza e a battermi perché non si spuntassero le armi alla lotta contro la corruzione: è un dato di fatto. Ma prima di definire una persona corrotta bisogna verificare se corruzione c’è stata”.

Alla domanda se Matteo Salvini la vuole sindaco di Roma, la Bongiorno risponde: “Sul piano giudiziario, ribadisco: chi è indagato deve restare al suo posto. La critica a Raggi è solo politica. Io amo Roma e soffro a vederla scivolare sempre più nel degrado, ma non significa che fare il sindaco rientri fra i miei progetti. L’ho anzi escluso più volte”.Condividi

loading...

Fonte clicca qui

loading...

Check Also

Prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere. Come prima cosa decide di irrompere in una casa per procurarsi dei vestiti nuovi, qualcosa da mangiare e, magari, un’arma

loading... Un prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere.Come prima cosa decide …

loading...

Lascia un commento

loading...
loading...