loading...
Home / Cronaca / Togliete la cittadinanza a quella bestia e datela al bambino eroe: anche Meloni appoggia la richiesta che arriva da tutta Italia

Togliete la cittadinanza a quella bestia e datela al bambino eroe: anche Meloni appoggia la richiesta che arriva da tutta Italia

loading...

«Togliere immediatamente la cittadinanza allo squilibrato senegalese e darla a Ramy, 12enne eroe che ha contribuito a sventare la strage a Milano. Perché la cittadinanza va meritata. Siete d’accordo?»: a proporlo è Giorgia Meloni in un video postato su Facebook.

Lollobrigida: «Sy non merita di essere italiano un giorno di più»

”Voglio prima di tutto ringraziare i carabinieri per quello che hanno fatto ieri, Fratelli d’Italia proporrà una decorazione per questo pezzo di Stato che lavora al servizio dei cittadini e che è un esempio e un punto di riferimento. La seconda cosa che chiederemo è di togliere la cittadinanza a questa bestia, perché di questo si tratta. Ousseynou Sy è una persona che avrebbe dovuto ringraziare il popolo italiano che lo ha accolto e gli ha dato un lavoro, invece ha tentato di ammazzare 51 bambini in quel modo orribile. Non merita di essere italiano un giorno di più”. Lo ha detto a MattinoCinque il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida.

Cirielli: «Ampliare i casi di revica della cittadinanza»

”Revoca della cittadinanza ed espulsione immediata per Ousseynou Sy, 47enne senegalese di origine ma italiano dal 2004, che ha sequestrato un autobus di cui era alla guida a San Donato Milanese, con a bordo una cinquantina di studenti, e poi, dopo aver forzato un blocco, gli ha dato fuoco, minacciando di uccidersi”. Lo chiede Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e questore della Camera, firmatario con la leader del partito, Giorgia Meloni, di una proposta di legge sul tema. ”Al governo Cinquestelle-Lega -aggiunge- chiediamo di non perdersi dietro parole e annunci. Ma la strage a San Donato Milanese, sventata solo grazie all’intervento dei Carabinieri, è l’occasione per approvare velocemente la proposta di Fratelli di Italia che amplia i casi di revoca della cittadinanza ed espulsione per gli stranieri che commettono reati sul territorio italiano o che, come nell’ultimo episodio, agiscono sulla base dell’odio razziale e religioso. La nostra proposta contempla revoca immediata della cittadinanza anche in assenza di una sentenza di condanna irrevocabile”.

Salvini risponde al padre di Rami, il bambino-eroe: “Pronti a concedere la cittadinanza”

loading...

Il Ministero dell’Interno sta accertando la situazione di Rami, il ragazzino di 13 anni di origini egiziane che ieri ha dato l’allarme dal bus sequestrato nel Milanese. A quanto si apprende, il Viminale “è pronto a farsi carico delle spese e a velocizzare al massimo le procedure per riconoscere la cittadinanza al piccolo eroe. L’auspicio è attribuire la cittadinanza a Ramy e toglierla al conducente del bus autore del gesto”.

La decisione di concedere la cittadinanza per meriti speciali a Rami è stata presa dai due vicepremier sulla base della legge che la conferisce “per meriti speciali”. La procedura vuole che la cittadinanza possa essere concessa con Decreto del Presidente della Repubblica, “sentito il Consiglio di Stato e previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’Interno, di concerto con il Ministro degli Affari Esteri, allo straniero che abbia reso eminenti servizi all’Italia, ovvero quando ricorra un eccezionale interesse dello Stato”.

Il 13enne lo scorso 20 marzo ha salvato i suoi compagni dalla tentata strage su uno scuolabus a San Donato Milanese.e la testimonianza dei momenti terribili che i 51 ragazzini hanno vissuto sul bus che l’autista ha sequestrato e incendiato.

È stato il padre di Rami, Khalid Shehata, a chiedere che al figlio venga concessa la cittadinanza: “Mio figlio ha fatto il suo dovere, sarebbe bello se ora ottenesse la cittadinanza italiana”.

Il ragazzo è stato riconosciuto come “eroe” perché, rendendosi conto di quanto stava avvenendo, ha prontamente nascosto il suo cellulare, chiamando il 112 e allertando di nascosto i carabinieri.Condividi

Fonte clicca qui

loading...

Check Also

Prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere. Come prima cosa decide di irrompere in una casa per procurarsi dei vestiti nuovi, qualcosa da mangiare e, magari, un’arma

loading... Un prigioniero riesce, dopo 15 lunghi anni, a evadere dal carcere.Come prima cosa decide …

loading...

Lascia un commento

loading...
loading...